Le 10 vette più belle da scalare in Italia

La passione per l’arrampicata e l’alpinismo coinvolge gli italiani allo stesso modo del mare. Non importa in quale zona del paese si sia cresciuti, non importa quali radici culturali si abbiano, perché al naturale e innato desiderio di “raggiungere la vetta” si unisce anche la concreta possibilità di farlo, spinti dall’entusiasmo e della bellezza che le nostre bellissime montagne donano a tutti i loro ammiratori.

In questo articolo elenchiamo le dieci vette più belle da scalare in Italia, per tutti i gusti. Da quelle per chi preferisce la roccia a quelle per chi preferisce il ghiaccio, da quelle più facili a quelle più difficili, da quelle più popolari a quelle più sconosciute.

Prima di proseguire, un sintetico elenco: Monviso, Gran Paradiso, la funivia dell’Aiguille du Midi sul Monte Bianco, Cervino, Monte Rosa, spigolo nord del Pizzo Badile, Bernina, Dolomiti, Gran Sasso d’Italia e l’Etna.

Va da sé che ce ne sono tante altre, di vette e montagne incredibilmente belle, ma una selezione resta pur sempre un insieme limitato.

Tra quelli menzionati, il Monte Bianco, il più alto d’Europa, è il più “himalayano” dei gruppi alpini. Vi si può trovare la roccia più solida, un granito rosso ruvido e fessurato, per un’arrampicata entusiasmante. Il Monte Bianco è la laurea degli studiosi di alpinismo e prevede numerosi livelli di difficoltà, per via della sua mole e dei diversi punti di accesso e percorsi possibili.

Il Monte Rosa è il massiccio più vasto per estensione, che comprende la seconda vetta più alta d’Italia, il cui nome deriva dalla voce prelatina che indicava il ghiaccio.

Il Cervino, la cui vetta mette timore a chiunque la guardi per il modo in cui svetta. Si tratta della vetta per antonomasia, “la vetta che svetta”.

Il Gran Paradiso è l’unico alto oltre 4000 m. interamente italiano. Alle sue pendici si trova il meraviglioso parco nazionale che ha praticamente salvato lo stambecco dalla sua estinzione. Da qui è possibile ammirare anche altre montagne citate nella “top”, tra cui il Monviso (riconoscibile per la sua grande vetta piramidale), il Bernina e il Gran Zebrù, le vette più alte della Lombardia. Il Bernina si eleva tra Valtellina e Engadina ed è caratterizzato da ghiaccio affilatissimo. Il Gran Zebrù, sconosciuto ai più (e si scusi la rima), è la seconda cima più alta dell’Ortles – Cavedale, nel parco nazionale dello Stelvio.

Le Dolomiti, situate a nordest nella bellissima regione del Trentino, offrono uno dei migliori percorsi di arrampicata su roccia al mondo, in un paesaggio a dir poco mozzafiato. Il Trentino-Alto Adige è infatti costellato di laghi, boschi e altre montagne a perdita d’occhio.

Il Gran Sasso, un paradiso dolomitico tra Abruzzo e Molise, è anch’esso accompagnato da un bellissimo parco nazionale.

L’Etna, il vulcano più grande d’Europa, è anche una montagna, con i suoi 3350 m. di altezza. D’inverno se ne può apprezzare il fascino “montanaro” e alpinistico, apprezzabile da chi è disposto a raggiungere la vetta con sci da alpinismo. Da lì, i vostri occhi saranno colpiti dalla vista del mare, da quello vicino di Taormina a quello più lontano del Tirreno con le isole Eolie.